+ 39 338 5833907 info@naturaecultura.com
Seleziona una pagina

Le connessioni spirituali di fegato, polmone, rene, cuore

Introduzione a una nuova fisiologia

Oggigiorno si ottengono informazioni sugli organi interni con metodi sempre più sofisticati, raggiungendo punti sempre più piccoli. Ma esiste anche la possibilità inversa, quella di allargare lo sguardo e cercare le connessioni fisiche, animiche e spirituali in cui è inserito l’organo.

Emerge così come elementi relativamente distanti siano in rapporto tra loro, come la sfera d’azione di ciascun organo ne superi i limiti fisici, come la funzione e le qualità interiori dell’organo stesso siano in relazione con il pensare, il sentire e il volere dell’individuo.

Walter Holtzapfel ha dato un contributo illuminante per un approccio antroposofico alla fisiologia, utile non solo a meglio comprendere gli stati di malattia, ma anche a riconoscere i possibili modi di ristabilire l’equilibro là dove i processi sono alterati.

Indice dei capitoli:

1. Organi e organismo

2. Il fegato dà coraggio per l’azione

3. Il polmone dà forma al pensiero

4. Dal rene la forza di temperamento

5. Nel cuore sta la saldezza interiore

6. Polarità e connessioni tra gli organi

 

 

 

L'autore

Walter Holtzapfel  (Kiel 1912 – Arlesheim 1994), medico internista in ospedali e cliniche, medico di campo durante la guerra, ha prestato la sua opera anche nel servizio ambulatoriale e nella scuola. Ha seguito negli anni diversi istituti di pedagogia curativa. È stato direttore della Sezione di Medicina della libera Università di Scienza dello Spirito del Goetheanum, docente, conferenziere e autore di pubblicazioni.

Dettagli sul libro

Autore: Walter Holtzapfel

Traduzione: Roberto Guardigli

Pagine: 112, formato 14×21 cm

Prezzo: € 12,00

Edizione: 4° ed. it., marzo 2016, nuova edizione

Codice ISBN: 978-88-95673-35-6

I dodici sensi: le porte dell’anima

Un viaggio appassionante attraverso i dodici sensi, un cammino di continue e inesauribili scoperte nel mondo della percezione, un modo nuovo di comprendere l’antroposofia.

Con uno stile chiaro e vivace, in modo molto comprensibile ma profondo, Albert Soesman traccia un profilo sorprendente dei dodici sensi dell’uomo secondo la dottrina dei sensi di Rudolf Steiner. Chi sapeva, ad esempio, che attraverso il senso del tatto viene portata a coscienza la separazione tra l’uomo ed il cosmo e che al contempo ne può di nuovo venir cercato il collegamento?

O che senza il senso della vita nessun medico più potrebbe aiutare, essendo il senso della vita come un sistema d’allarme attraverso il quale viene comunicato all’uomo il suo interno stato di salute…

E che mediante il senso del proprio movimento percepiamo non soltanto i nostri individuali movimenti, ma contemporaneamente anche tutto ciò che muove verso di noi e che è in stretta connessione con il nostro destino…

Approfondire la conoscenza dei diversi ambiti dell’attività sensoriale, rivitalizzare e riattivare la percezione crea un vero e proprio spazio di incontro tra la persona che percepisce e ciò che è percepito. In questo incontro l’uomo può ritornare a se stesso a al contempo aprire un dialogo con l’altro e con il mondo.

Indice dei capitoli:

Prefazione.
1. Il senso del tatto e il senso della vita
2. Il senso del proprio movimento e il senso dell’equilibrio
3. L’olfatto e il gusto
4. Il senso della vista e il senso del calore
5. Il senso dell’udito
6. Il senso del linguaggio o della parola, il senso del pensiero e il senso dell’io
7. Considerazioni finali: Il senso dell’io e la “coscienza storica”.
Postfazione; Rappresentazioni mediante schemi.

 

L'autore
Albert Soesman (1914-2007) esercitò la professione di medico dal 1943 al 1983 a L’Aja, in Olanda. Il tema dei dodici sensi fu per molti anni al centro dei suoi corsi e delle sue conferenze.
Dettagli sul libro
Autore: Albert Soesman

Traduzione dal tedesco : Enrica Dal Zio

A cura di: Adele Crippa

Pagine: 248, formato 14×21 cm

Prezzo: € 15,00

Edizione: 2° ed. it., 2014

Codice ISBN: 978-88-95673-26-4